Passa ai contenuti principali

IL VENTO E IL SUO CAMPIONE: INTERVISTA A GIUSEPPE VALLERINI


In basso, poi in alto, dopo un attimo a sinistra. Quand’ecco che la luce dell’unico lampione che giungeva fin lì dalla strada illuminò a cinque metri da me il volto sporco de segnato di un barbone. Il mio Abate Faria.”




Nella tragedia greca Euripide ha introdotto il deus ex-machina, che ala fine interviene a sistemare la sorte dell'eroe. Un concetto che mi ha sempre affascinato, non solo perché afferma la superiorità del caso sulla divinità, ma anche e soprattutto per la sua imprevedibilità.


Questa imprevedibilità caratterizza la magia, i talismani, le streghe, la possibilità stessa dell’impossibile.


Oppure se - come Giuseppe Vallerini ne IL VENTO E IL SUO CAMPIONE -, guardiamo ad un grande classico quale Il Conte di Montecristo di Dumas, allora questa imprevidibilità che dà colore alla vita  la troviamo personificata nell’abate Faria, sotto forma di salvezza.



Siete pronti a conoscere il vostro abate Faria? O l'avete già conosciuto?


Ho il piacere di condividere con voi l'intervista all'autore di questa favola - romanzo di formazione.




INTERVISTA A GIUSEPPE VALLERINI



Il protagonista del tuo libro si chiama William Walsh, mi ha colpito perché questo è anche il nome di un poeta romantico che ha scritto dei testi importanti in difesa delle donne.

Volevo chiederti, se in qualche modo, è confluito nella tua favola.



Sarò sincero: non conoscevo l’esistenza di questo poeta romantico, ma sono felice che il mio protagonista ti abbia ricordato un personaggio di un simile spessore. Allora, William è stato scelto per “giocare” un po’ sul fatto di Elizabeth e William, tanto per citare Orgoglio e Pregiudizio, uno dei miei romanzi preferiti. Il cognome Walsh l’ho scelto perché mi piaceva il suono quando lo pronunciavo. Il secondo nome Gareth per la faccenda del nome adespota, e il fatto che grazie a lui potevo raccontare l’aneddoto con Frida.




Ho letto nei ringraziamenti che il tuo libro è rimasto per anni chiuso in un cassetto, ma che la storia te la sei portata dietro sempre. Cosa ti ha spinto in fine a scriverla?



E’ stata lei, la storia, a voler uscir fuori, a tutti i costi. Ha la presunzione di portare un messaggio vero e semplice allo stesso tempo: molte volte la felicità è sotto i nostri occhi, basta riconoscerla…anzi, dobbiamo avere la voglia di riconoscerla.




Che ruolo hanno secondo te le fiabe nelle nostre vite? La loro importanza (penso che anche per te ce l’abbiano visto che ne hai scritta una!) si esaurisce con la nostra infanzia?



C’è una fiaba alla quale sono particolarmente legato, Cenerentola. Mia figlia mi ha preso in giro quando mi sono commosso guardando l’ultimo film tratto dalla fiaba, quello con attori veri. La frase: “Sii gentile e abbi coraggio” è potentissima, se ti fidi, se riesci a farla tua, può davvero trasformare la tua vita. Non è facile ma bisogna provare.



Credi nella magia anche nella vita quotidiana? E’ un caso che nella tua storia siano i senzatetto o i disabili a farle da tramite?



Questa domanda è figlia di quella sopra e anche la mia risposta lo è: se noi riuscissimo, anche nelle avversità, anzi…soprattutto in quelle, ad essere lo stesso gentili e coraggiosi, faremmo ogni volta un atto di pura, meravigliosa magia.


Per quanto riguarda il senzatetto è stato un caso. Per Eddie invece ho preso spunto da una persona reale, che ho conosciuto con un altro nome…e che porto con me.



Oltre ad Alexandre Dumas, che citi spesso, e la meravigliosa Austen ci sono anche altri autori a cui ti rivolgi?


Da ragazzino ho adorato la prima produzione di Stephen King: IT, La zona morta, L’ombra dello scorpione, Stand by me, Le notti di Salem…..

Crescendo mi sono buttato sui classici, oltre quelli che hai citato, Jane Austen e Dumas, Dickens, George Eliot, Wilkie Collins, Defoe, Stevenson, i grandi scrittori russi. Diciamo che continuo a preferire i classici e, quando scelgo i contemporanei, scelgo quelli che me li ricordano come stile di scrittura…penso a Il Petalo cremisi e il bianco di Michel Faber o a Il Cardellino di Donna Tartt.


Commenti

  1. Carezzedinchiostro2 ottobre 2020 08:37

    Complimenti per l’intervista! È sempre bello poter conoscere più a fondo un autore quando un libro ti ha entusiasmato ��io conservo di questa lettura un piacevolissimo ricordo

    RispondiElimina
  2. Un libro che non tarderà molto ad entrare nella libreria.

    RispondiElimina
  3. Bellissima intervista, molto interessante

    RispondiElimina
  4. Come sempre interviste davvero interessate e accurate 👍

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

INTERVISTA: JESSICA RIGOLI E LA SUA OPERA FANTASY PER RAGAZZI

“Da quell’altezza le stelle erano enormi e luminose e la volta celeste sembrava un’immensa trapunta di velluto foderata da milioni di diamanti. A un tratto un altro bagliore, che però provebiva dal basso, distolse l’attenzione della ragazza: erano le Rune che brillavano sotto i suoi vestiti.”
- La regina delle Ombre
Sono felice di presentarvi Jessica Rigoli, per la rubrica dedicata alle interviste agli autori, che in questo caso è un’autrice. Ha scritto la dilogia fantasy LO SPIRITO DELLE IDEE. VIAGGIO NEL MONDO INVERSO e LA REGINA DELLE OMBRE, di cui potete vedere le cover in foto.



Potete farle tutte le domande che volete sulla sua dilogia fantasy pensata per i ragazzi e le ragazze dai 9 agli 11 anni, ma in realtà super avvincente anche per gli adulti!
Di seguito potete leggere le mie domande e le risposte di Jessica.


1. Come è nata l’idea della protagonista, Melissa? Il fatto che sia una protagonista femminile ha un significato specifico per te? Pensi sia importante fornire i nostri giovani…

LAILA E IL CORONAVIRUS: INTERVISTA ALL'AUTRICE NICOLE VASCOTTO

In pochissimo tempo, per spiegare a sua figlia cosa stava succedendo realmente - in questi giorni strani in cui alla tv non si sente parlar d'altro del rinomato virus corona stufa di sentir parlare di orchi e prodi cavalieri -, una mamma come tante altre, forse un pò più creativa e curiosa, ha pensato ad una storia, una storia semplice e chiara per spiegare ai nostri bambini cosa sta succedendo e soprattutto per spiegare che cos'è questo terribile virus, che ha ben poco a che fare con re e corone.
Nicole, innanzitutto vorrei chiederti di presentarti e dirci qualcosa di te, in particolare quale e’ la tua professione?
Ciao Chiara, intanto ti ringrazio per avermi proposto questa intervista. Io sono Nicole Vascotto, sono mamma della piccola Laila e sono un grafico editoriale. Collaboro con diverse case editrici per le quali realizzo copertine di libri, impaginazioni interne e contenuti per i loro social.
Si può dire allora che non sei un medico ne‘ uno scienziato, questa esigenza di…

INTERVISTA A DONATELLA CAIONE: SONO IO MATILDA EDITRICE

Così mi ha risposto al telefono Donatella Caione, quando ci siamo sentite per parlare dei suoi libri e quando le ho proposto di fare questa intervista, che potete ora leggere per intero. 

Ciao Donatella, per prima cosa volevo chiederti di dirci qualcosa su di te, o meglio ciò che ritieni importante farci sapere, visto che sul sito della casa editrice al posto della voce “Chi siamo” troviamo la voce “Chi siete”, e l’attenzione viene spostata su noi lettrici e lettori.
Sono mamma, donna impegnata nel volontariato contro la violenza di genere, editrice per passione... e anche agricoltora! Credo nell'importanza della letteratura per l'infanzia per favorire il pensiero libero, non stereotipato, aperto agli altri e altre.

Nel panorama dell’editoria italiana sei stata tra i primi ad occuparti di temi forti relativi all’educazione alla diversità, a pubblicare dei libri per parlare ai bambini della morte, o dell'abuso o della paura. Come si sa affrontare questi temi non è da tutti: è …