Passa ai contenuti principali

SE LE TOCCHI CON UN FIORE SONO GUAI

I LIBRI CONTRO GLI STEREOTIPI DI GENERE DI MATILDA EDITRICE

Come filosofa amante del mito e del femminismo sono sempre stata "dalla parte delle donne" , come mamma attenta all'educazione dei propri figli, ho visto che purtoppo nelle nostre scuole ci sono ancora tanti, troppi pregiudizi proprio legati all'identità di genere. Sin dall'asilo, i giochi, i colori, le parole e le azioni sono "da maschi" o "da femmine".
Per questo la possibilità di fruire dei libri di Matilda Editrice, che nasce inizialmente online come spazio  di dialogo e confronto per le mamme ha molta importanza per me. Non a caso, quando nel 2016 diventa una realtà autonoma e indipendente, ha deciso di chiamarsi Matilda, ispirandosi alla protagonista del romanzo di Roald Dahl, un nome che contiene perfettamente il senso di questa attività editoriale. 

Dice Donatella Caione, responsabile della Casa Editrice: “È un nome che parla di letteratura per l'infanzia, di bambine protagoniste, di genitorialità non solo biologica, di amore per i libri e per le biblioteche, del bisogno di non uniformarsi. Ma parla anche di famiglie imperfette e di insegnanti appassionate."


In questo articolo voglio presentarvi tre libri a mio avviso molto significativi circa il prezioso messaggio che trasmettono queste pubblicazioni, fornendo a noi mamme e insegnati uno strumento importante per "pensare la differenza".


UNA STRADA PER RITA 

Questa mattina ho provato a leggere con mio figlio questo albo illustrato della casa editrice Matilda scritto da Maria Grazia Anatra. Certo è adatto a bimbi un po' più grandi almeno di 6 anni, come sapete Leo è il mio secondogenito e va per i quattro, per questo si è un po' impallato sulle illustrazioni molto particolari di Viola Gesmundo e continuava a farmi un sacco di domande senza ascoltare davvero la storia.

Ad un certo punto gli ho chiesto “ma hai capito il senso?” Cosa sono le donne?” allora lui mi ha risposto proprio così: “quelle che se le tocchi con un fiore sono guai.” Mi ha riempito di orgoglio avere un maschietto così, penso che per quanto sicuramente sarà un rubacuori, sarà sempre rispettoso nei confronti delle donne anche perché ha due sorelle, e ieri sera, quando ha graffiato la sua sorella maggiore durante un battibecco gli ho detto: “Le donne non si toccano neanche con un fiore” ed evidentemente gli è rimasto bene impresso.

Tornando a Rita, protagonista del libro, anche lei è una bambina molto sveglia e curiosa e fa tante domande, quelle giuste. Per un progetto indetto dal sindaco del suo paese è incaricata di trovare ciò che non va della sua città e quello che più la colpisce non sono tanto le buche, le cartacce o i rifiuti, ma un fatto molto importante. Se i nomi alle strade sono dati da personaggi famosi che hanno fatto cose importanti, perché allora non ci sono targhe con nomi di donna? Nessuna ha compiuto cose belle da ricordare?

Ma certo che sì le spiega la sua adorata nonna e quindi Rita prepara il cartellone intitolato LA CITTA’ CHE VORREI con strade intitolate alle sole DONNE: “Questa strada che passa davanti all’ospedale l’ho intitolata Rita Levi-Montalcini, scienziata di fama mondiale per le sue scoperte in medicina, poi la piazza dove sta la biblioteca l’ho dedicata a Virginia Woolf, una delle più brave letterate europee, mentre per questo viale alberato pieno di statue e monumenti ho pensato a Frida Kahlo, una grandissima pittrice messicana, infine per la superstrada che porta fuori città verso l’aeroporto ho scelto Amelia Earhart, a prima aviatrice che ha attraversato l’Oceano Pacifico, poi…”

La domanda innocente che si pone Rita nasconde anni di soprusi e ingiustizie a scapito delle donne. Per fortuna oggi abbiamo i mezzi e gli strumenti per invertire questa tendenza e anche il Sindaco del paese di Rita ha deciso di premiare questa iniziativa. Se volete scoprire come, vi consiglio di leggere il libro!


CHE FORZA LA DANZA

Come ogni altro libro di Matilda Editrice, anche un libro come "Che forza la danza" apparentemente dedicato all'innocuo tema della danza, è contro qualsiasi stereotipo, soprattutto stereotipo di genere. Attraverso il diario di Anita, una ragazzina preadolescente, ci illustra infatti come sia meraviglioso seguire sempre le nostre inclinazioni in ogni scelta che facciamo, e quindi anche nello sport!! 

In questo senso sono benvenuti i maschi che danzano e le femmine che amano la fisica, la chimica e la matematica. Contro ogni statistica che vede ancora i nostri giovani scegliere gli studi universitari in base a categorie di genere. Ancora oggi, nel 2020, infatti le percentuali parlano chiaro: la maggior parte delle donne sceglie professioni in ambito della cura o dell'educazione - Sociologia (con tassi di femminilizzazione pari rispettivamente al 61,1%, al 65,8%, al 66% e al 70,3%) e ancor più Psicologia e Scienze della Formazione (in cui tale tasso raggiunge il 79,4%, e l’88,1%) - mentre a scegliere le materie scientifiche dall'informatica all'ingegneria sono per la maggior parte scelte dai maschi. Con l'evidente gender pay gap che ne consegue.

Anita, sceglie di dedicarsi alla danza con passione, e grazie alla sua insegnante Lalla scoprirà che la grazia di un movimento è imprescindibe dalla leggi della fisica. Giunge quindi alla seguente riflessione: “A pensarci mi sembra strano l’idea di mettere insieme un’attività considerata femminile come la danza con una materia considerata così da maschi come la fisica. Lalla dice che non esistono materie per maschi o per femmine o sport per maschi o per femmine, ma esiste il piacere di scegliere di seguire le nostre aspirazioni.”
Lalla è l'appassionata insegnante di danza, ma anche una brillante studentessa di fisica. Un'esempio per Anita, ma anche per tutte le giovani donne che dovrebbero scegliersi i propri hobby e in futuro la propria professione a prescindere da qualsiasi pregiudizio. 



TIN HINAN 


Gli esempi positive di figure femminili non finiscono qui, e attingono dalle tradizioni non solo del nostro mondo  occidentale, ma anche di altri popoli, sottolinando ancora una volta la passione per Matilda Editrice per le differenze non solo di genere, ma anche culturali.  LA LEGGENDA DI TIN HINAN REGINA DEI TUAREG parla proprio di una grande donna, Tin Hinan, che dodici secoli fa scappo’ dai detrattori del regno di suo padre, attraversando il deserto da sola con la sua ancella. 
Dopo aver superato molti pericoli arriva ad una piccola oasi e ne fa il suo regno: una tenda sotto le stelle.
Diventò regina di questo piccolo popolo cui insegno’ a scrivere, a tessere e tingere stoffe, a lavorare la creta e a curarsi con le piante. Era il popolo Tuareg.


Ancora oggi se vi capita di andare a trovarli “vi offriranno il loro te’ forte e scuro. Se ne berranno 3 tazze: la prima senza zucchero, amara come la vita, la seconda dolce come l’amore, la terza soave come la morte.” E’ interessante vedere come la gente berbera apparentemente così dura e sradicata abbia in realtà, ancora oggi, una struttura matriarcale in cui sono le donne a prendere le decisioni più importanti per tutta la tribù.

Commenti

Post popolari in questo blog

LAILA E IL CORONAVIRUS: INTERVISTA ALL'AUTRICE NICOLE VASCOTTO

In pochissimo tempo, per spiegare a sua figlia cosa stava succedendo realmente - in questi giorni strani in cui alla tv non si sente parlar d'altro del rinomato virus corona stufa di sentir parlare di orchi e prodi cavalieri -, una mamma come tante altre, forse un pò più creativa e curiosa, ha pensato ad una storia, una storia semplice e chiara per spiegare ai nostri bambini cosa sta succedendo e soprattutto per spiegare che cos'è questo terribile virus, che ha ben poco a che fare con re e corone.
Nicole, innanzitutto vorrei chiederti di presentarti e dirci qualcosa di te, in particolare quale e’ la tua professione?
Ciao Chiara, intanto ti ringrazio per avermi proposto questa intervista. Io sono Nicole Vascotto, sono mamma della piccola Laila e sono un grafico editoriale. Collaboro con diverse case editrici per le quali realizzo copertine di libri, impaginazioni interne e contenuti per i loro social.
Si può dire allora che non sei un medico ne‘ uno scienziato, questa esigenza di…

INTERVISTA A DONATELLA CAIONE: SONO IO MATILDA EDITRICE

Così mi ha risposto al telefono Donatella Caione, quando ci siamo sentite per parlare dei suoi libri e quando le ho proposto di fare questa intervista, che potete ora leggere per intero. 

Ciao Donatella, per prima cosa volevo chiederti di dirci qualcosa su di te, o meglio ciò che ritieni importante farci sapere, visto che sul sito della casa editrice al posto della voce “Chi siamo” troviamo la voce “Chi siete”, e l’attenzione viene spostata su noi lettrici e lettori.
Sono mamma, donna impegnata nel volontariato contro la violenza di genere, editrice per passione... e anche agricoltora! Credo nell'importanza della letteratura per l'infanzia per favorire il pensiero libero, non stereotipato, aperto agli altri e altre.

Nel panorama dell’editoria italiana sei stata tra i primi ad occuparti di temi forti relativi all’educazione alla diversità, a pubblicare dei libri per parlare ai bambini della morte, o dell'abuso o della paura. Come si sa affrontare questi temi non è da tutti: è …

ANDRA’ TUTTO BENE: IL RITORNO DELL'ARCOBALENO

La vita è come un arcobaleno: ci vuole la pioggia e il sole per vederne i colori.”  [Detto indiano]

“Al di là di chi sia stato il primo a ostentare tale simbolo resta il fatto incontestabile che si presenta come il più adatto a rappresentare un’idea, oggi molto in voga, secondo la quale non ci sarebbe alcuna verità assoluta: tutte le opinioni hanno la medesima dignità e quindi meritevoli di spazio.” [Agenzia Fides, 2008]



Sui balconi, sulle finestre, sui davanzali e persino sulle facciate delle nostre case un “sorriso all’incontrario” dai mille colori rallegra il triste passare delle giornate al tempo del coronavirus. 
Eh sì, tra le altre, cose l’arcobaleno è stato scelto anche come simbolo per lo slogan “andrà tutto bene” che caratterizza la risposta tutta italiana alla crisi che stiamo vivendo per colpa di questa terribile  pandemia.
Ma cosa rappresenta in realtà l’arcobaleno? E’ un semplice messaggio di speranza, una barriera per escludere e lasciar fuori tutto ciò che ci spaventa, o cel…